info@arredamentiattanasio.it
Soggiorno arredato in grigio

I segreti del grigio

|7 Gennaio 2019 | Complementi

Ottenuto dalla mescolanza di bianco e nero, il grigio è un colore che nelle abitazioni è stato per lo più considerato come tinta di fondo per le pareti, in quanto neutro, e purtroppo poco valorizzato per gli elementi d’arredamento, classificandolo erroneamente come una nuance indistinta, spenta e un po’ monotona. Niente di più sbagliato!

Basta osservare il cielo durante un temporale per accorgersi dell’infinita varietà di sfumature delle nuvole grigie, tutt’altro che banali.

In natura, infatti, esiste una vastissima gamma di grigi: l’ardesia e il color bronzo, ad esempio, sono grigi freddi contenenti una percentuale di blu; i grigi caldi, al contrario, contengono accenti di giallo e di rosso. Le tonalità possono variare dal grigio tenue, come il color ostrica, tendente al bianco, fino al grigio grafite, molto vicino al nero.

Così come accade per l’argento e per l’acciaio inossidabile, anche le superfici lucide dei mobili grigi, tendono a riflettere i colori circostanti (proprio come le nuvole al tramonto si colorano di rosa) regalando una bella luce e un dolce movimento all’ambiente domestico.

Come detto, il grigio è sicuramente molto appropriato per i colori di fondo: un pavimento in ardesia o delle pareti grigio effetto fumo, perla o addirittura metallico, forniscono un punto base ordinato, tranquillo e al tempo stesso perfetto per far risaltare accessori come mensole, lampade, e complementi d’arredo, come quadri e specchi.

Per quanto riguarda invece i tessuti d’arredamento, i rivestimenti dei divani e i tappeti, il grigio, specialmente nelle tonalità più scure, assorbe la luce e intonandosi naturalmente ai colori circostanti tende ad attenuare i “confini” con le altre tinte e i contorni dei mobili: sceglietelo quindi con estrema libertà nelle stanze in cui volete creare un’atmosfera ricercata e particolarmente intima.

Fortunatamente, soprattutto negli ultimi anni, il grigio è stato molto rivalutato ed è diventato un colore di “prima scelta” per l’intero arredamento e adottato nelle abitazioni per i mobili da soggiorno, per i tessuti dei divani, per le camere da letto e moltissimo per le cucine, con interessanti “effetti d’effetto”.

Chiaramente non lasciate che i grigi dominino tutti gli ambienti ma fatene un uso sapiente, accompagnandoli sempre alle vostre tinte preferite. Tenue o brillante, opaco o lucido, c’è sempre una tonalità di grigio perfetta per il vostro mood, e non dimenticate che apparirà quasi verde se accostato ad esempio ad una bella pianta d’appartamento, o diventerà un grigio caldo se affiancato a mobili più classici in legnocon un contrasto decisamente contemporaneo e di grande effetto stilistico.

Come detto, il grigio ha una forte tendenza ad assorbire la luce e i colori circostanti, ed è essenziale quindi valutare con un architetto o un arredatore i vari campioni di colore direttamente sul luogo in cui si intenderà utilizzarli, senza dimenticare che anche il tipo di superficie, liscia o ruvida, opaca o brillante, gioca un ruolo importante: trame diverse, infatti, assorbono o riflettono la luce in modi differenti, creando quindi di volta in volta inaspettate sfaccettature.

Una volta apprezzato ed utilizzato questo colore discreto e versatile, non ne potrete più fare a meno perché sperimenterete come sia facilmente abbinabile con qualsivoglia complemento d’arredo o nuovo accessorio che aggiungerete negli anni, con tinte o stile differenti, e non avrete mai la sensazione di vedere un qualcosa “fuori posto” o di non intonato, perché ogni angolo della vostra casa sarà sempre perfettamente armonizzato.

Share this post:

1 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top